<<  Gennaio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
UNO ATTO DI CORAGGIO PDF Stampa E-mail
Venerdì 04 Maggio 2007 01:00
PER RISOLLEVARE TERNI E’ NECESSARIO UNO ATTO DI CORAGGIO DI TUTTE LE FORZE SANE DELLA CITTA’ Il centrosinistra è ormai allo sbando e rischia di trascinare nello sfascio tutta la città. A Terni si registra un clima di arroganza nell’amministrazione della cosa pubblica, simile a quello dei primi anni novanta. Gli episodi degli ultimi giorni, a partire da discutibili scelte nell’affidamento di consulenze fino ad arrivare ad approvare convenzioni con società partecipate in aperto contrasto con autorevoli pareri dei dirigenti comunali, costituiscono segnali chiari che i nostri amministratori hanno ormai perso la bussola. Sembra quasi che chi detiene il potere pensi di esercitarlo indipendentemente da tutto e tutti, impermeabile a qualsivoglia forma di controllo ed insensibile ad ogni rilievo critico, accolto anzi con fastidio. L’impressione è che sia già iniziata la corsa alla successione del Sindaco e che tutti ora tendono a puntellare le proprie posizioni, a scapito dei cittadini. Ne seguono scelte profondamente sbagliate ed incomprensibili, che gettano un’ombra non facilmente rimuovibile sulla credibilità e sulla trasparenza di una classe politica e amministrativa alla quale evidentemente non creano alcun imbarazzo le iniziative della magistratura contabile come di quella ordinaria. Si è smesso da tempo di perseguire l’ interesse generale per privilegiare l’utilità di una cerchia sempre più ristretta di persone che appare ogni giorno più distante dal percepire i reali umori della città. È tempo che chi si oppone all’attuale sistema di potere abbandoni la diffidenza reciproca e soprattutto metta da parte i complessi di inferiorità. Di fronte a questa degenerazione politica, mentre assistiamo all’ultima moda di creare polveroni per distogliere l’attenzione dei cittadini dai problemi veri, serve uno scatto di coraggio, per costruire l’alternativa possibile. Senza aspettare troppo, però, e nella speranza che anche lo zoccolo duro che per decenni ha votato a sinistra per ragioni squisitamente ideologiche si possa accorgere che ormai la sinistra e i suoi alleati non sono più in grado di garantire la tenuta della città. Terni, li 04.05.2007 Federico Salvati, Cons. Com, Gruppo Misto