<<  Gennaio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
Esternalizzazioni al CMM PDF Stampa E-mail
Lunedì 16 Giugno 2008 01:00
Esternalizzazioni al CMM, ora anche per le case popolari: ma ce n’è davvero bisogno? Da tempo l’amministrazione comunale ha adottato il criterio dell’appalto in house con il CMM, che lo ricordiamo è al 96% di proprietà del Comune di Terni, con una situazione debitoria da risanare. Abbiamo così scoperto che il Centro Multimediale, una volta speranza di crescita per l’economia cittadina e pensato per far sviluppare l’imprenditoria privata nei settori tecnologicamente più avanzati, è diventato invece una sorta di supporto per servizi di competenza comunale, tra i più disparati: dalla gestione delle multe, alla comunicazione, senza mai considerare l’esistenza di figure professionali all’interno del Comune che potrebbero assolvere le stesse funzioni, probabilmente a costi minori. Ultimamente l’amministrazione ha provveduto ad esternalizzare al CMM un altro servizio che fino a poco tempo fa era di competenza dell’ufficio alloggi, su richiesta dell’assessore competente. In particolare si tratta dell’immissione e della gestione dei dati relativi al bando 2008 di assegnazione delle case popolari. Nel caso specifico, ritengo che tale decisione derivi soprattutto da diatribe interne all’assessorato, ma mi preme rilevare l’esistenza di alcune incongruenze: - si tratta di dati sensibili e che pertanto devono essere trattati solo da persone qualificate; - qualora si fosse comunque ritenuto necessario incrementare il servizio, si sarebbe potuto ricorrere all’utilizzo di un monte ore straordinario da assegnare al personale interno dell’Ente, con un risparmio finale complessivo, rispetto ai costi di esternalizzazione del servizio. Mi risulta infine che le organizzazioni sindacali siano completamente all’oscuro di questa decisione. Il risanamento del CMM non deve gravare sulle spalle dei cittadini e per questo sarà mia cura presentare un’interrogazione per chiarire tutti gli aspetti di questa vicenda, chiedendo, oltre al caso ora descritto, quante siano le esternalizzazioni in house da parte del Comune al CMM. Sarà mia cura inviare questo stesso atto alla Corte dei Conti. Federico Salvati (PDL)